626 – approvati i nuovi requisiti per i R.S.P.P. : “salvo” chi ha svolto l’attività per almeno 2 anni

Il consiglio dei Ministri, nella seduta del 19/06/2003, ha approvato un decreto legislativo che individua le capacità ed i requisiti professionali richiesti agli addetti ed ai responsabili dei servizi di prevenzione e protezione.

Il consiglio dei Ministri, nella seduta del 19/06/2003, ha approvato un decreto legislativo che individua le capacità ed i requisiti professionali richiesti agli addetti ed ai responsabili dei servizi di prevenzione e protezione.
Non cambierà nulla per coloro che avranno svolto il compito di RSPP per almeno 2 anni, professionalmente o alle dipendenza di un datore di lavoro, alla data di entrata in vigore del decreto; per questi, infatti, il provvedimento approvato prevede che i requisiti introdotti si intendano acquisiti.
Gli altri responsabili ed addetti del servizio di prevenzione e protezione, interni o esterni all’azienda, dovranno possedere titoli di studio (diplomi di istruzione secondaria superiore o laurea) adeguati alla natura dei rischi presenti sui luoghi di lavoro, nonché un attestato di frequenza di corsi formazione specifici.
Tali corsi, sulla cui durata e sul cui contenuto il decreto non fornisce informazioni dettagliate, dovranno essere organizzati da Regioni, ordini professionali, università, organismi paritetici o dalle associazioni sindacali dei datori di lavoro.

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *