60 milioni dall’INAIL per le imprese che “investono” in sicurezza

60 milioni di euro è la cifra che l’INAIL mette a disposizione per tutte le aziende

60 milioni di euro è la cifra che l’INAIL mette a disposizione per tutte le aziende – anche quelle individuali – iscritte alla camera di commercio che fanno della prevenzione una delle loro priorità d’intervento.
Lo stanziamento verrà ripartito in budget regionali, in funzione del numero di addetti e dell’andamento infortunistico di ciascun territorio.
I fondi saranno disponibili per progetti di investimento volti:

  1. al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori;
  2. alla formazione;
  3. alla sperimentazione di soluzioni innovative e di strumenti di natura organizzativa ispirati alla responsabilità sociale delle imprese.

Dopo la pubblicazione dell’avviso sulla Gazzetta Ufficiale, infatti, gli interessati potranno accedere tramite il sito internet dell’INAIL – Punto Cliente – ai singoli bandi regionali dove inserire dati anagrafici dell’impresa e particolari relativi al progetto, che prevedono l’attribuzione di un punteggio in automatico.
Solo con il superamento di un punteggio soglia complessivo sarà possibile la compilazione della domanda online.
Sarà, quindi, necessario presentare alla sede INAIL competente l’attestazione dei requisiti di ammissione al finanziamento e di attribuzione dei punteggi.
Ciò avverrà con una procedura “valutativa a sportello” che, applicata a progetti o programmi organici e complessi, consente la massima semplificazione conservando tutte le garanzie per l’Ente erogante.
Il finanziamento a fondo perduto, che in parte può anche essere anticipato, viene erogato dopo la verifica della documentazione che attesta l’effettiva realizzazione dell’intervento e l’avvenuto pagamento dei corrispettivi da parte dell’impresa richiedente.
Alla conclusione della procedura, l’INAIL si riserva di effettuare controlli, anche in loco, per verificare la conformità dell’intervento rispetto al progetto approvato e finanziato.

Clicca qui per saperne di più

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

Iscriviti GRATIS alla Newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *